BarnaZodiaco – Il nostro Febbraio

shane-jones_io-sono-febbraio
Il mix oroscopolettarario di Silvia Ferrari:
Cari BarnAmici,
il libro di cui vi parlerò oggi non è affatto conosciuto nel bacino Mediterraneo, ed è stato pubblicato in Italia da una casa editrice purtroppo molto sottovalutata ma che ormai sempre più spesso ci regala delle perle davvero notevoli: Io sono febbraio, di Shane Jones (Isbn Edizioni 2011).
Il modo in cui ho scoperto l’esistenza di questo libro non è stato internet, una delle fonti d’accesso più immediate per conoscere piccole meraviglie nel magma letterario nostrano, bensì alla “vecchia maniera”, con il passaparola di una cara BarnAmica Ariete che me lo ha segnalato durante una lunga chattata notturna squisitamente femminile.
È altrettanto confortante il modo in cui questa Ariete lo abbia scoperto: girovagando in una libreria notturna nel cuore di Bologna. Uscite per la solita cena etnica del Mercoledì sera, seguita dal solito bicchiere di vino in una distilleria di nostra fiducia e conclusa poi a bere nocino in Piazza Grande, ci siamo salutate nel cuore della notte, rifugiandoci ciascuna a casa propria. Diversamente da me, lei non si è lasciata sedurre dal richiamo di Morfeo e, attratta dalle luci della libreria notturna, ha scoperto in uno scaffale dimenticato questa chicca. Immediatamente è iniziata la chattata, iniziata con apprezzamenti sull’avvenenza dello scrittore americano, e scivolata presto in una teorizzazione audace del destino della letteratura nel XXI secolo.
Risparmiandovi i deliri notturni, e assicurandovi che non è soltanto l’ebrezza a parlare, questo libro e questo autore in particolare meritano di essere tenuti d’occhio. Shane Jones nasce nel mese di febbraio, e proprio con il nome di Febbraio decide di appellare uno spirito maligno che ha preso in ostaggio una piccola cittadina – di un luogo e di un tempo imprecisato – facendola precipitare in uno stato depressivo. I toni sono fiabeschi, ma la narrazione acquista ampio respiro grazie alle immagini poetiche – quasi liriche – che circondano il protagonista/eroe del romanzo, Thaddeus Lowe, che decide di resistere alle malignità di Febbraio, ribellandosi soprattutto al suo ultimo dispetto rivolto ai bambini: rapirli e impedire il volo di mongolfiere e aquiloni. Thaddeus è l’unico che decide di non arrendersi a Febbraio e di riaccendere la speranza per una nuova estate, che ormai sembra perduta per sempre. Ho ritrovato nello spirito sarcastico e nelle atmosfere oscure di Jones lo stesso tocco con cui Tim Burton orchestra le sue opere, una grande conoscenza delle fiabe tradizionali senza paura di manipolarle a proprio uso e consumo, anzi, al nostro!
È un libro semplice, ma per cuori impavidi. E poi, lo scrittore è un figo, permettetemelo.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...