300 – Dino Battaglia – Racconti

battaglia-3

 

dino-battaglia-e-hugo-pratt

“La ricchezza?… La felicità?… No, il prezzo è troppo alto. Meglio andare solo per il mondo per sempre.”

(Peter Schlemihl)

Dino Battaglia era un uomo molto colto. Dalla sua arte trapela cultura da tutte le parti. Uomo di lettera e di profonda conoscenza storica mise tutta la sua cultura al servizio dei fumetti, inventando storie come pochi hanno saputo fare. Da gran lettore qual era, Battaglia adattò al fumetto molti classici della letteratura: Melville, Maupassant, Poe, Lovecraft, Hoffman, Stevenson e Büchner trovarono nell’arte di Battaglia il giusto compromesso tra parole e immagini che, forse, neanche il cinema è riuscito ad esprimere.

battaglia-1Con una carriera iniziata al fianco di Hugo Pratt, disegnando l’eroe mascherato Asso di Picche, e proseguita pubblicando negli anni ’50 per vari editori tra Arbattaglia-2gentina e Italia e disegnando eroi del fumetto nostrano come Pecos Bill e storie per il Vittorioso, l’artista veneziano arriva alla sua maturità artistica con la riduzione a fumetti di Moby Dick, realizzato nel 1967. Ha così inizio, idealmente, un sodalizio artistico con gli scrittori prima citati che lo porterà a realizzare capolavori grafici che ancora oggi stupiscono per tecnica e atmosfera. Perché è proprio l’atmosfera ad accomunare questi cinque racconti racchiusi nel bel volume “Racconti”, curato da Vincenzo Mollica che, nella sua introduzione, esordisce definendo Battaglia come un artista tra i più riservati e inquietanti. Ecco un’altra definizione che inevitabilmente attraversa questi racconti: inquietanti. E lo sono senza ombra di dubbio. Un’inquietudine che s’insinua nel lettore alla lettura del primo racconto, Omaggio a Lovecraft, per poi irrompere con la riduzione dell’intramontabile classico dell’orrore Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde e ancor di più con Il patto e Peter Schlemihl, attanagliando il lettore fino alla conclusione di questo viaggio inquieto tra ombre grigie e neri annebbiati con il personale adattamento dell’opera incompiuta di Georg Büchner, Woyzeck. Ma leggere i racconti di Dino battaglia non significa solo immergersi in questa atmosfera intrisa d’inquietudine ma soprattutto compiere un viaggio meraviglioso ed entusiastico nell’arte, in cui davanti ai nostri occhi, pagina dopo pagina, si materializza una serie di tavole, ricca di numerose vignette, ognuna delle quali stupisce ancora oggi, a distanza di quasi quarant’anni. Stupisce la composizione di ogni singola vignetta, stupisce l’assenza della schematica rigidità della tavola classica così come stupiscono questi neri dal sapore grigio. Perché, in verità, non è esatto definire Battaglia un maestro del bianco e nero, sarebbe più giusto definirlo un maestro del grigio, come ha giustamente specificato Gianni Riotta nella sua bella introduzione al volume. Perché il grigio di Battaglia non rappresenta solo la singola tavola ma è parte determinante di tutte le sue storie e in alcune di esse, come nel caso della bellissima Peter Schlemihl, assume un ruolo del tutto fondamentale; invade le vecchie strade fatte di ciottoli, le vecchie canne fumarie, le tegole sporgenti sui vecchi tetti, le vecchie staccionate, i vecchi tram rumorosi, i mattoni dei vecchi muri di città.

battaglia-4Ma è anche un grigio che (sempre citando Gianni Riotta) rappresenta i minori, la loro tragedia, la loro storia fatta di povertà. Quel grigio che grazie a una tecnica raffinatissima ha portato Battaglia a uno stile che negli anni a venire sarà il modello ispiratore per molti artisti (Corrado Roi in primis) senza mai essere eguagliato. Perché Dino Battaglia è ineguagliabile, degno rappresentante di un periodo del fumetto ineguagliabile. Guardare la sua arte equivale a ritrovarsi in una novella di Maupassant, ad esser terrorizzati da un racconto di Poe, ad immergersi nelle grigie acque di Melville.

Tutti meravigliosamente rappresentati dai suoi fumetti.

 

Altre edizioni: Tutte le storie presenti in questo volume sono uscite sulla rivista Linus tra il 1970 e il 1974, tranne Peter Schlemihl che uscì sul Giornalino nel 1983. A quest’edizione fa seguito una seconda, Racconti 2.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...