Una (disprezzata) sera d’autunno

Da venerdì 25 a domenica 3 febbraio 2013 (dal venerdì alla domenica) – ore 20

 Linguaggi Creativi
Via Villoresi ,26 – Milano   (Zona Navigli) MM Porta Genova

Prenotazione:
Telefono: 0239543699
E-mail: info@linguaggicreativi.it

Biglietto 12 euro con aperitivo dalle 19

Durata 1,15

Una (disprezzata) sera d’autunno

dai radiodrammi di Friedrich Durrenmatt

elaborazione drammaturgica e regia di Francesco Leschiera

con Alessandro Macchi, Francesco Meola e Andrea Magnelli

costumi di Ilaria Parente    

scenografia Ilaria Parente  e Francesco Leschiera

luci di Luna Mariotti

 Scelte musicali ed elaborazioni sonore di Antonello Antinolfi

 produzione Teatro del Simposio

 

Un testo carico di humour nero e una tagliente critica alle ipocrisie della nostra società. Debutta in prima milanese a Linguaggi Creativi dal venerdì 25 gennaio a domenica 3 febbraio 2013

Una (disprezzata) sera d’autunno con la regia di Francesco Leschiera. Uno spettacolo che unisce i due più teatrali radiodrammi del grande scrittore e drammaturgo Friedrich Durrenmatt (Una sera d’autunno nella traduzione di Alighiero Chiusano e Colloquio notturno con un uomo disprezzato nella traduzione di Aloiso Rendi, edizione Einaudi) per puntare l’accento sul ribaltamento del ruolo sociale e sul significato del potere,  smascherando le meschinità nascoste dietro una facciata perbenista. In una scena “metafisica”, quasi mentale – rinchiusa in una cinta muraria e disseminata da cilindri, metafore delle barriere dell’animo umano e di quelle erte dall’uomo, strutture portanti dell’immaginario pubblico – agiscono i due personaggi: lo scrittore famoso e maledetto, autore di gialli capaci di entrare nelle pieghe più oscure della società e il visitatore, colui che sopraggiunge per ribaltare l’ordine costituito. Nella prima parte il visitatore è un “detective di letteratura”, grandissimo fan dell’autore, che nota una sinistra coincidenza tra i racconti dell’autore e delitti reali avvenuti quasi nell’identico modo scoprendo così che “anche la cultura è qualcosa di pericoloso”. Nella seconda parte invece il visitatore sarà il boia, un killer assoldato dallo stato per mettere fine alla vita dell’autore: tra i due si istaurerà una strana relazione e un colloquio filosofico che arriverà ad interrogarsi sul significato del male e dell’unica rivoluzione possibile: quella “da fare dentro di noi”.

 

“Il potere si nutre di carne umana”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...